MITRAGLIA TONINI SI SCOPRE SARTO EUROPEO

EUROPEAN SNOOKER CHAMPIONSHIP WROCLAW 2016 – DAY THREE

Terzo giorno di europei a Wroclaw e i nostri atleti sono ormai ben calati nel contesto, pronti a contribuire alla spedizione punto su punto. I match sono tutti concentrati nella fascia di mezzogiorno, il primo tavolo disponibile è quello di Ciaghi: il suo avversario, Frais Vuckic, si porta sul 2-0 legittimando la superiorità della sua steccata, ma nel terzo è Ciaghi a portarsi avanti di una ventina di punti per poi giocarsi il frame sulla nera.

Vuckic sbaglia la prima occasione in centro ma poi chiude con una favolosa imbucata a tutto biliardo segnando un 3-0 che avrebbe gelato le speranze di ogni amatore alle prime armi. Il nostro soldato Ciaghi invece si rialza e imbuca con freddezza intorno alla nera per regalarsi un’altra chance sui colori. Un errore evitabile sembra condannarlo, ma il bosniaco gli offre un’altra occasione sulla rosa con bianca a sponda che Massimo è abilissimo ad afferrare: 4-1.

Manoli e Tonini trionfano in due incontri che sulla carta potevamo definire fattibili, ma che meritano tutti i complimenti del caso per la complessità del contesto e per la pressione che è sempre dietro l’angolo. Gianluca supera per 4-1 Vladan Niskic, dopo aver chiuso in scioltezza i primi due frame con buone giocate anche con il rest e gelato il tentativo di rimonta del serbo che era scattato grazie a un in-off alla fine del terzo ed era riuscito a conquistare il quarto frame. Gianmarco invece travolge Roger Strand per 4-0 lasciando andare il braccio con imbucate alla “mitra”senza mai rischiare eccessivamente di sporcare il tabellino. Entrambi si dicono soddisfatti dei risultati nonostante fatichino ad esprimere il proprio migliore biliardo su un palcoscenico così difficile, quando a volte il layout lo consentirebbe. Sappiamo però che lo snooker è uno sport molto nervoso ed è difficile offrire subito performance ad alti livelli, soprattutto nel gioco di serie.

 

Pietro Caperna anche oggi da del filo da torcere al granitico belga Laurens de Staelen portandosi avanti per 2-1 con un ottima serie da 45 orchestrata fra la nera e la blu, che, insieme al 55 di ieri e altri due quarantelli, dimostra la solidità delle campione italiano. De Staelen però è in grado di alzare ulteriormente l’asticella fino al 4-2, alimentando così le proprie speranze in uno dei gironi sicuramente più tosti.

In una giornata ricca di incontri dobbiamo mettere in conto anche tre whitewash, che pesano sulla carta ma aiutano i giocatori a scontrarsi con i propri limiti e a imparare da chi è più avanti nel percorso di crescita. Davide Coltro ha affrontato Andreas Ploner, che con Paul Schopf ha rappresentato l’Austria nella World Cup ben figurando fra diversi professionisti. Manoli ha avuto poco tempo per festeggiare prima di incontrare subito alle 18 il turco Simon Zammit, e così anche Ciaghi, che ha perso ai danni del promettente 18enne svedese Belan Sharif.

Alla vigilia dell’ultimo giorno di round-robin, Manoli ha ancora una chance di passaggio del turno in caso di vittoria grazie all’impresa di Domenica, ma dovrà contare anche sulla sconfitta di Zammit contro lo stesso Le Duc. Sicuramente anche solo il lusso di questa possibilità è qualcosa di cui essere soddisfatti!

This entry was posted in NEWS.