STARKIE & HARTLEY … GRANDE STEVE !

INTERVISTA A STEVE STARKIE

Buongiorno Mr. Steve Starkie, sono Max Del Bianco, uno degli arbitri italiani di snooker abilitati lo scorso mese di febbraio. Come forse lei sa l’Italia non ha tradizioni di snooker, ma negli ultimi anni il numero di appassionati sta crescendo molto rapidamente. Ci farebbe piacere se lei ci dedicasse qualche minuto e ci mettesse a disposizione un po’ della sua proverbiale esperienza.

Ciao Max e congratulazioni per il conseguimento dell’abilitazione come arbitro di classe 3. Le tue domande sono “a largo spetro”, ma cercherò di rispondere più chiaramente possibile.

John Higgins

Potrebbe dare qualche consiglio agli arbitri italiani, su come avviarsi ad essere un buon arbitro? Cosa fare e cosa evitare durante l’arbitraggio?

Per essere un buon arbitro è obbligatorio imparare a fondo le regole e capire come applicarle alle reali situazioni che si presentano  sul tavolo. Padroneggiare il posizionamento in modo da evitare di essere all’interno del campo visiov del giocatore quando è al tavolo. (Un buon arbitro deve essere ascoltato e non visto) (vedi allegato Positional Guide) .Avere la sicurezza necessaria per prendere decisioni corrette, guadagnarsi il rispetto da parte dei giocatori ed esercitare la propria autorità con tranquillità durante la partita.

2014-05-09-330A

Ha voglia di raccontarci un aneddoto significativo della sua storia personale?

Credo che ogni partita sia importante e un arbitro possa essere giudicato solo esaminando l’arbitraggio dell’ultima partita. Sia che si stia arbitrando al Campionato del Mondo al Crucible, sia  una partita di ragazzi del luogo, lo standard dli arbitraggio dovrebbe essere lo stesso. Nel corso degli anni ho arbitrato 8 campioni del mondo e molti altri giocatori. Ho arbitrato in 4 finali europee e 2 finali del Campionato del Mondo, alla finale del Campionato inglese Dilettanti e la Finale del  Paul Hunter.

Joe Perry

Quando e come ha deciso di diventare arbitro di snooker?

Sono stato coinvolto dallo snooker a tutti i livelli per molti anni e, come giocatore, ha raggiunto i quarti di finale degli European Masters nel 2009, per poi essere battuto da Darren Morgan, il che non è certamente un disonore. Sono diventato arbitro poco dopo essere andato in pensione dal lavoro.

Quali sono le più grosse difficoltà incontrate agli inizi della carriera?

Le principali difficoltà di un neo-arbitro  sono la fiducia in sé stesso e la pratica. C’è bisogno di lavorare sodo e arbitrare il maggior numero di partite possibile, ma credo che in Italia il problema più grande sia che non avete nessuno per darvi supporto, non ci sono ne tutor ne possano aiutarvi a diventare un arbitro migliore, perché non avete tutor o esaminatori. ( quindi: Pratica — — Pratica Pratica )

Qual è la differenza sostanziale nell’arbitrare una partita tra professionisti e dilettanti?

La risposta è semplice: Nessuna.  Come ho detto prima lo standard con cui si arbitra deve essere il più alto possibile, indipendentemente dalla partita.

Donne e snooker: arbitri e giocatrici del futuro? … e noi uomini?

Il gioco è in crescita si sta diffondendo in alcuni paesi emergenti in tutto il mondo;  si spera, quindi che possa attrarre più giocatori sia  maschi che femmine e anchei giocatori disabili e nuovi arbitri . Spero che questo ti aiuti a ottenere una panoramica sull’arbitraggio e fatemi sapere  se posso essere d’aiuto a te e ai tuoi colleghi arbitri in Italia, , sarò ben lieto di aiutarvi. Un caro saluto a tutti gli appassionati italiani.

starkie e donne

This entry was posted in NEWS.