TRIS D’ASSI MANCATO PER UN SOFFIO

EUROPEAN SNOOKER CHAMPIONSHIP WROCLAW 2016 – DAY FOUR

Ultima giornata di round robin per i nostri eroi, che oltre ad averci regalato 3 giorni di ottime prestazioni, le quali ripagano ampiamente la fiducia posta in ciascuno dal presidente, si preparano ad affrontare 3 match per una insperata qualificazione, mentre il soldato Ciaghi, senza risparmiarsi e con grande coraggio, potrà farsi strapazzare dal futuro professionista Josh Boileau, pupillo di PJ Nolan.

Pietro Caperna inizia un’altra volta molto bene contro Zsolt Fenyvesi, gestendo con precisione il primo frame e riportandosi di nuovo in vantaggio dopo la risposta dell’ungherese. Una vittoria non solo gli concederebbe la qualificazione ma addirittura il terzo posto, in virtù della sconfitta avvenuta solo al decider contro Wraith nella classifica avulsa. Davvero un peccato quindi che il campione italiano non sia riuscito ad allungare un’altra zampata, soprattutto sulla nera del sesto frame che avrebbe potuto portarlo al decisivo.


Premio sfortuna vinto invece da Gianluca Manoli, che, nonostante i 2 match già in cassaforte, si vede raggiunto in classifica nella mattinata da Le Duc, introducendo anche qui la classifica avulsa. Gianluca pur avendo vinto solo al decider con Le Duc e perso 4-0 con Zammit si vede costretto a dover battere anche Scherybl, 19enne già sicuro del secondo posto, ma troppo pulito tecnicamente per concedere il fianco al messinese. Tonini si giocava direttamente il dentro-fuori con Allan Norvark, cinquantenne danese con un best break di 121 in competizioni ufficiali, senza “avulsità” di sorta. Gianmarco, che ha strappato frame a tutti (13 in totale) esce dai blocchi come solo lui sa fare, conquista un primo frame combattutissimo e mezzoretta dopo è avanti 3-0, a un passo da una storica qualificazione. Il quarto frame vinto da Norvark è il canto del cigno perchè nel quinto arriva uno spettacolare 52 in pieno stile Mitra: 4-1.

“Non potrei essere più soddisfatto, ognuno ha dato il massimo, nel complesso il risultato è oltre ogni aspettativa. Un pizzico di rammarico per Pietro e Gianluca rimasti fuori di un soffio”. Queste le parole del Presidente Nazionale Davide Coltro dopo quattro faticosi giorni di incontri e un profondo lavoro di inserimento in tale cornice internazionale. La EBSA non può che essere lieta di accogliere nella famiglia dello snooker una realtà così calorosa e trepidante come la nostra.

This entry was posted in NEWS.